Rafforzare la medicina alternativa non medica


Un titolo professionale per la medicina alternativa non medica riconosciuto a livello federale – questo obiettivo fondamentale dell’organizzazione del mondo del lavoro della medicina alternativa svizzera è stato raggiunto il 25 aprile 2015. Questa regolamentazione della professione rappresenta una tappa importante nel sistema sanitario svizzero. Un titolo riconosciuto in tutta Europa ha un carattere pilota e genera un forte radicamento della medicina alternativa nella società!

Nel 2008 l‘Oml MA ha costituito un’unione fra associazioni professionali, scolastiche nonché altre organizzazioni della medicina alternativa. Ora queste organizzazioni con interessi e indirizzi diversi – medicina ayurvedica, omeopatia, medicina tradizionale cinese MTC nonché medicina naturale tradizionale europea MTE – collaborano in modo vincolante e applicando più metodi: si tratta effettivamente di un grande successo. In questo modo gli interessi dei membri possono essere rappresentati a livello nazionale nella fase di organizzazione e attuazione della formazione professionale.

La regolamentazione della professione ...

  • aiuta a garantire la libertà di scelta terapeutica.
  • permette di fondare su una base più ampia il sistema sanitario.
  • garantisce il mantenimento dei rimedi e metodi curativi tradizionali.
  • assicura una buona competenza professionale e specialistica dei terapisti ad alto livello.
  • offre una seria tutela della salute attraverso i diplomi federali.

Novità


28. aprile 2015

Naturopata con diploma federale: ora una realtà!

Il 28 aprile 2015 la Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (SEFRI) ha approvato l’esame professionale superiore di naturopata. Nasce così un nuovo titolo protetto e riconosciuto a livello svizzero: naturopata con diploma federale. Il titolo contempla quattro indirizzi specifici: medicina ayurvedica, omeopatia, medicina tradizionale cinese MTC e medicina naturale tradizionale europea MTE. In questo modo viene in parte esaudita una delle richieste fondamentali contenute nell’articolo costituzionale 118a Medicina complementare, ossia la creazione di diplomi nazionali per le professioni non mediche della medicina complementare.